numero

Lettera aperta al

ministro Dario

Franceschini

di Antonio Battaglia

Egregio Ministro, in questo delicato momento storico di emergenza sanitaria in corso le gallerie d’arte moderna e contemporanea non sono abbastanza supportate per il ruolo culturale e turistico che ricoprono. A mio vedere andrebbero incluse nei provvedimenti rivolti al sostegno alla cultura, ai musei e alle mostre, per il tipo di attività che svolgono, non puramente commerciale. Purtroppo invece dell’attività delle gallerie non si parla molto. Quando ad esempio si annuncia la riapertura di musei e mostre dal prossimo 18 maggio, le gallerie non sono citate perché codificate soltanto nel settore del commercio al dettaglio. Le gallerie hanno contribuito enormemente allo sviluppo della storia dell’arte in Italia, dalle avanguardie del Novecento ad oggi, creando sorprendenti collezioni che hanno dato la possibilità di arricchire i molti importanti musei da nord a sud del nostro straordinario paese. Comprare un’opera d’arte di qualità di un artista riconosciuto non significa fare solo commercio, ma significa sostenere e preservare un bene culturale, un quadro, una scultura, un disegno, una grafica, o una fotografia, frutto dell’ingegno intellettuale di una disciplina del fare, inteso nell’unicità della manualità al servizio dell’espressione di un linguaggio artistico universale, peculiarità questa tutta italiana. I musei stessi acquistano opere d’arte dalle gallerie. In questo momento storico ci siamo accorti tutti della potenza comunicativa delle immagini e della creatività degli artisti che con la loro visione ci fanno guardare avanti oltre le apparenze. Tutto questo mondo viene valorizzato e divulgato giorno per giorno dalle gallerie d’arte. Nei luoghi nevralgici e storici delle città italiane, i galleristi investono e credono negli artisti che rappresentano, partecipando anche alle fiere che dagli anni Settanta presentano opere di livello museale. Egregio Ministro, insieme a tutti i miei colleghi e agli artisti che rappresentiamo, faccio appello, nel rigore della ricerca artistica e culturale che ci accomuna, di trasmettere questo messaggio al Governo Italiano perché aiuti le nostre attività anche sul piano culturale. Avendo già Lei mostrato vicinanza per gli artisti dello spettacolo, Le chiedo di rivolgere un pensiero anche agli artisti visivi di cui le gallerie sono rappresentanti. Chi meglio delle gallerie può sostenere la causa di questi artisti? L’auspicio è quello di una nuova rinascita dell’arte e della cultura.   La ringrazio per la Sua attenzione e per l’ascolto che presterà a questa lettera.   Con i più cordiali saluti,   Antonio Battaglia   Milano, 1 maggio 2020
 | © blogMagazine pensato, realizzato e pubblicato in rete da Giorgio Seveso  dal 2011   |    Codice ISSN 2239-0235 |

riContemporaneo.org | opinioni, polemiche, proposte sull’arte contemporanea

DARIO FRANCESCHINI Ministro dei Beni e Attività Culturali e del Turismo

Lettera aperta

al ministro

Dario

Franceschini

di Antonio Battaglia

Egregio Ministro, in questo delicato momento storico di emergenza sanitaria in corso le gallerie d’arte moderna e contemporanea non sono abbastanza supportate per il ruolo culturale e turistico che ricoprono. A mio vedere andrebbero incluse nei provvedimenti rivolti al sostegno alla cultura, ai musei e alle mostre, per il tipo di attività che svolgono, non puramente commerciale. Purtroppo invece dell’attività delle gallerie non si parla molto. Quando ad esempio si annuncia la riapertura di musei e mostre dal prossimo 18 maggio, le gallerie non sono citate perché codificate soltanto nel settore del commercio al dettaglio. Le gallerie hanno contribuito enormemente allo sviluppo della storia dell’arte in Italia, dalle avanguardie del Novecento ad oggi, creando sorprendenti collezioni che hanno dato la possibilità di arricchire i molti importanti musei da nord a sud del nostro straordinario paese. Comprare un’opera d’arte di qualità di un artista riconosciuto non significa fare solo commercio, ma significa sostenere e preservare un bene culturale, un quadro, una scultura, un disegno, una grafica, o una fotografia, frutto dell’ingegno intellettuale di una disciplina del fare, inteso nell’unicità della manualità al servizio dell’espressione di un linguaggio artistico universale, peculiarità questa tutta italiana. I musei stessi acquistano opere d’arte dalle gallerie. In questo momento storico ci siamo accorti tutti della potenza comunicativa delle immagini e della creatività degli artisti che con la loro visione ci fanno guardare avanti oltre le apparenze. Tutto questo mondo viene valorizzato e divulgato giorno per giorno dalle gallerie d’arte. Nei luoghi nevralgici e storici delle città italiane, i galleristi investono e credono negli artisti che rappresentano, partecipando anche alle fiere che dagli anni Settanta presentano opere di livello museale. Egregio Ministro, insieme a tutti i miei colleghi e agli artisti che rappresentiamo, faccio appello, nel rigore della ricerca artistica e culturale che ci accomuna, di trasmettere questo messaggio al Governo Italiano perché aiuti le nostre attività anche sul piano culturale. Avendo già Lei mostrato vicinanza per gli artisti dello spettacolo, Le chiedo di rivolgere un pensiero anche agli artisti visivi di cui le gallerie sono rappresentanti. Chi meglio delle gallerie può sostenere la causa di questi artisti? L’auspicio è quello di una nuova rinascita dell’arte e della cultura.   La ringrazio per la Sua attenzione e per l’ascolto che presterà a questa lettera.   Con i più cordiali saluti,   Antonio Battaglia   Milano, 1 maggio 2020


polemiche e proposte sull’arte contemporanea